Masoneria

Tavola del fr:. An:. Z:. (dall’archivio storico della R:. L:. Giordano Bruno, 17 Febbraio 1989)

Ogni dimora, ogni solido geometrico ha un pavimento o una base; ma come mai il Tempio che accoglie i nostri lavori ha proprio un mosaico bianco e nero?

Forse perché l’Universo che ci sovrasta ci rammenta che sotto di sé, tra noi, vi è una moltitudine di spiriti positivi e negativi? Di individui giusti e non giusti? Di razze bianche e  no? Ci rammenta forse che spalla-a-spalla con noi vivono il buio, la tentazione, il male, il negativo?

Da Nord a Sud, da Est a Ovest, in Loggia ciò che separa questi punti cardinali è una tavola di quadri bianchi e neri.

Come mattoni essi si erigono, assumono forme e dimensioni ben più elevate di quelle che noi ad occhio nudo possiamo osservare. E possono venire abbattute solo dalla nostra forza, dalla nostra energia, dal nostro amore, e così venire oltrepassati.

E’ il conflitto, la dualità.

Il bianco ed il nero; il più ed il meno; il Sole e la Luna, la Colonna J e la Colonna B; il bene ed il male; la sapienza e l’ignoranza; la veglia ed il sonno.

Le manifestazioni della verità dello spirito umano e la molteplicità delle buone opere attraverso le quali hanno possibilità di manifestarsi le virtù rappresentate dai sette gradini (fede, speranza, carità, vigilanza, devozione, tolleranza e conciliazione massonica) sono rappresentate nel mosaico che è racchiuso da quattro lati formanti angoli retti l’uno con l’altro.

La rappresentazione del Mondo, in senso fisico, è data dalla forma di quadrilungo così come lo vedevano gli antichi immaginandosi la Terra come una superficie piana, simboleggiata principalmente con i quattro elementi, o le quattro stagioni o i quattro punti cardinali.

Come scatole cinesi, il Quadro di Loggia, come simbolo e sintesi del Mondo, si inserisce nella moltitudine di immagini presenti nel Tempio Massonico, rappresentato dal mosaico, il quale a sua volta si inserisce come Mondo sotto il Tempio della nostra Officina, a sua volta Mondo della Universalità del Grande Tempio di Dio.

Presso gli indiani il vocabolo “Loga”, da cui deriva la parola “Loggia”, stava ad indicare il Mondo; lo stesso significato era attribuito all’Antro di Mira dove i Magi celebravano i loro Misteri, ed al Tempio di Salomone che è servito da modello a tutti i  Templi Massonici aventi come caratteristica principale una base quadrilonga a mosaico e quattro angoli retti che secondo l’espressione gnostica rappresentano il Silenzio, la Meditazione, l’Intelligenza e la Verità.

Che il mosaico bianco e nero possa farmi riconoscere il mosaico che è in me, riconoscere le mie pietre scuse, levigarle e renderle chiare e ricche di Luce.

An:. Z:.

17 Febbraio 1989 *

(* ) Dall’archivio storico della R:. L:. Giordano Bruno n. 852 all’Oriente di Ferrara ed all’Obbedienza del Grande Oriente d’Italia-Palazzo Giustiniani).

Fonte

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Vuoi ricevere le notizie da masoneria357?