Masoneria

Tavola del fr:. Giorgio Valentini (1923 – 2015) dall’Archivio Storico della R:. L:. Giordano Bruno 852 all’Oriente di Ferrara.

Iniziazione” significa “introdursi” (aiutati ovviamente da Maestri) in una “Via” che l’interessato deve percorrere seguendo precise indicazioni. Lo scopo dell’”Iniziazione” è quello di indirizzare il Prescelto lungo un cammino che può essere della natura più varia e quindi può portare a risultati positivi oppure a risultati negativi.

Le famigerate bande dei Thugs (tanto per fare un esempio) erano “iniziate” al culto della dea Kalì, dea sanguinaria e crudele, e per anni hanno seminato terrore e  morte nell’India del 1800.

Essere un “iniziato” non può quindi sempre essere motivo di orgoglio o compiacimento, per le ragioni sopra esposte.

Tuttavia la Libera Muratoria “crea” degli Iniziati cui spetta una qualifica di POSITIVITA’ in quanto tenta di trasmettere una reale “influenza spirituale” atta a far sì che nell’individuo si sviluppino quelle “potenzialità positive” che un’approfondita indagine preliminare (la “tegolatura” – ndr) svolta sullo stesso soggetto dovrebbe aver per tempo avvertito.

La sostanza di tutto questo discorso, così come di ogni altra esternazione muratoria, è una sola: trovare insieme, con l’aiuto di tutti, la strada dell’Amore Fraterno, del “Volersi bene”, del “Sentirsi”, almeno in parte, integrati nella vita degli altri Fratelli in particolare, ed anche di tutto il mondo profano in generale.

Con i tempi che corrono, non credo debbano spendersi troppe parole per sottolineare che è una “via difficile”.

La Ragione, diventata la “misura di tutte le cose”, frena gli impulsi di questo senso di fratellanza generalizzata, proprio perché essa stessa ha provocato il crearsi di quello spirito umanistico che, pur meritevole in tanti settori, è stato anche la causa prima di ogni “individualismo” e quindi anche di ogni egoismo.

Non avremmo bisogno di tante manifestazioni esteriori (Riti, Tradizioni, Riferimenti storici, Riunioni) se sapessimo con semplicità e con quell’umiltà, tanto spesso predicata e assai di rado applicata, interiorizzare realmente questo concetto di AMORE ed, aggiungo, di LIBERTA’.

 Ma i tempi sono quelli che devono essere, viviamo in una Società crudele dove non vi è posto per il più debole e la lotta per la sopravvivenza è feroce.

In questo clima la Libera Muratoria tenta la sua Vita Iniziatica che, ripeto, vuole sviluppare nell’Uomo l’Amore verso il Prossimo attraverso il miglioramento di sé stessi.

La strada che ci propone è Attiva (sviluppo della Coscienza e sviluppo della Conoscenza!!!) diversamente da quanto propone la Religione, la cui Via è prevalentemente Passiva (ascesi Mistica).

La Coscienza dovrà svilupparsi sulla base del Trinomio “Libertà, Eguaglianza, Tolleranza”; la Conoscenza richiede l’ausilio del Pensiero Esoterico.

Qui le cose devono essere molto chiare: il Pensiero Esoterico caratterizza (unitamente al Pensiero Exoterico) molte organizzazioni iniziatiche e la Libera Muratoria fa appunto parte di queste. Ma occorre tenere presente che nella Libera Muratoria gli STADI della VIA INIZIATICA sono DUE:

  • L’Iniziazione reale (intesa nel senso di REGALE)
  • L’Iniziazione Sacerdotale

Nel mondo attuale l’unica Iniziazione possibile è quella REGALE (1° Stadio), per le condizioni psico-materiali prevalenti nella nostra Società; questa constatazione tuttavia NON significa che quei Fratelli veramente consci dei valori che reca in sé il Pensiero Muratorio non debbano lottare perché questo stato di cose possa mutare.

Qui torniamo a spendere parole che sembrano inutili! Infatti: chi lotta per cambiare l’indifferenza umana in affettuoso interesse per chi soffre? Chi si impegna, finito il lavoro in Loggia, per proseguire fuori, in concreto, quei sentimenti di umanità, tolleranza, fratellanza espressi nei lavori muratori?

Nessuno o ben pochi!

Ognuno segue la sua Via! Forse manifesterà la propria partecipazione inviando denaro, vestiari, generi alimentari e farmaceutici, ai somali, ai popoli balcanici, ai più miseri… Sarà quindi convinto all’interno di se stesso di aver compiuto l’Atto Fraterno che gli è stato richiesto. Ma così non è! E lo sappiamo tutti, dal più vecchio al più giovane.

Siamo tutti consapevoli che il Mondo in questa precisa fascia temporale non va bene, non funziona, è preda di uno spirito diabolico e feroce.

Ed allora? La Ruota della Vita gira con una grande inerzia! Sperare di cambiarla in poco tempo è pura illusione.

La Libera Muratoria è impegnata consapevolmente in questa battaglia, dove ben conosce la sua modesta influenza! Ma bisogna pur cominciare…

Il primo Stadio della Via Iniziatica, se fosse veramente completato, ci darebbe gran forza.

Esso richiede il conseguimento della “perfezione delle possibilità umane”, il raggiungimento cioè di quelle “qualità” di cui poc’anzi abbiamo scritto.

I Sacri Testi riportano che il primo Stadio vorrebbe lo sviluppo di tutte le potenzialità attinenti alla sfera psico-spirituale, sviluppo possibile tramite la “restaurazione” in noi dello stato di essere “primordiale”, cioè dello stato “edenico”, di quello stato che era presente nell’Uomo quando ancora poteva godere delle “gioie” misteriose del “Paradiso Terrestre”.

In altre parole si richiede la rinuncia totale al nostro Mondo attuale dove predominano “i Metalli”.

Naturalmente ciò fa parte del regno di Utopia, almeno per ora, ma questo è lo sforzo che viene richiesto ad ogni Fratello Libero Muratore, attraverso forme e modalità tutte da inventare, anche se ci si rifugia troppo spesso nell’indicazione del “perfezionamento interiore” dell’Uomo, nella sua globalità strutturale.

Come è possibile infatti defilarsi da questo tipo di Società che ti impone le sue regole, spesso belluine, se vuoi sopravvivere?

All’infuori di una patetica partecipazione con la nostra forza spirituale (generalmente modesta!) altre vie per ora non esistono.

Ancora una volta quindi si appalesa in tutta la sua forza la necessità dell’Unione Fraterna, sempre più concreta, sempre più leale, sempre più libera da ogni imposizione dogmatica, fra tutti i Fratelli Liberi Muratori, unitamente ad una visione aperta ed umanamente coinvolgente dell’intero mondo che soffre.

Il primo Stadio dell’Iniziazione dovrebbe raggiungere almeno questo scopo nelle sue linee generali ed allora avrebbe un senso parlare di Iniziatismo.

Secondo me è proprio nella concretizzazione di questo scopo che Massoneria Speculativa e Massoneria Operativa dovrebbero riuscire a realizzare quella “Fusione di Intenti” che dà un senso all’essere Massoni.

E’ proprio in questo Stadio che, riuscendo a pervenire alla perfezione ed alla equilibrata posizione della propria “struttura” (il corpo fisico) con il “Programma” (il Sé interiore della individualità), il Massone può dare pienamente ciò che gli è chiesto in questa dimensione “Spazio-Temporale”.

Il secondo Stadio infatti non è per il momento raggiungibile nel nostro Mondo Occidentale, per lo scadimento di ogni impulso psico-spirituale e per il continuo prevalere dei Metalli.

Anche nell’Oriente i tempi sembrano inadatti allo sviluppo di questo Stadio, se si esclude il fenomeno, peraltro poco conosciuto da noi, del famoso SAI BABA che sembra aver raggiunto quello stato finale incondizionato di realizzazione totale, necessario per il conseguimento del secondo Stadio.

Anche per questo secondo Stadio i Sacri Testi danno indicazioni teoriche contenenti le modalità da seguire per il passaggio dalla “Virtualità” alla “Effettualità”.

Dal livello della Perfezione Umana (già raggiunto con il compimento del primo Stadio) si deve passare agli Stati “Sopraumani” per giungere, come si è soprascritto, allo Stato Finale Incondizionato (cioè “Libero dalle Forze Metalliche” del nostro universo materiale) di realizzazione totale.

Questa visione, per ora utopistica, potrà forse essere raggiunta quando la Mente potrà rendersi libera e autonoma dalla sua struttura materiale che ancora la sorregge e la lega a sé inscidibilmente.

A quel punto però il nostro Universo materiale, generante lo Spazio ed il Tempo, dovrà essere superato e noi dovremo trovarci fuori da esso in quanto completamente sottratti dalla dipendenza della Materia (è un “Sogno” ancora lontano!).

Il completamento di questo secondo Stadio ci permetterà di conseguire il “Paradiso Celeste”.

Nel rituale del Rito Scozzese Antico ed Accettato il primo Stadio corrisponde alla comprensione dei MISTERI MINORI (dal 4° al 29° Grado), per i quali potrebbe essere sufficiente l’uso del Pensiero Exoterico (senso letterale, allegorico, morale), mentre il secondo Stadio richiede la comprensione dei MISTERI MAGGIORI (dal 30° al 33° Grado) per i quali è indispensabile l’uso del Pensiero Esoterico (intuizione intellettuale).

Si ricorda che nel Mondo Occidentale moderno mancano tutti i presupposti per il conseguimento di questo Stadio, che resta quindi a livello puramente paradigmatico.

Ho detto

Giorgio Valentini:.

Dall’Archivio Storico della R:. L:. Giordano Bruno 852 all’Oriente di Ferrara (anni 1980-1990)

.

 

APPENDICE – DEFINIZIONI

 

MASSONERIA

Associazione di uomini di pensiero, di cultura, accumunati da sentimenti fraterni e pronti alla reciproca solidarietà. Lo scopo di una siffatta associazione è di migliorare l’Uomo inteso come miglioramento dell’Umanità.

 

ESOTERICO

E’ quella ricerca attiva che partendo da conoscenze acquisite risveglia interessi, sentimenti, sensazioni, e porta ad intuizioni superiori delle effettive conoscenze.

Realizzare l’Iniziazione Reale (1), scopo ultimo della via iniziatica, sarà possibile solo a Massoni che seguiranno queste definizioni (Massoni si nasce o si diventa?).

 

NOTA (1)Non “Reale” (nel senso di Regale), ma “Sacerdotale” (2° Stadio): questo è lo scopo ultimo della Via Iniziatica, che vorrebbe con questo secondo Stadio tentare di passare dalla “perfezione umana”, “Paradiso Terrestre” (1° Stadio) agli stati superiori dell’Essere, fino alla realizzazione totale di sé stessi (“Paradiso Celeste”).

 

DOTTRINA SEGRETA

Consente la consacrazione dell’Adepto attraverso una catena iniziatica ininterrotta, proveniente da un MOTORE PRIMO iniziale (Continuum). Le Religioni la considerano a loro volta una Via Salvifica. Il SIMBOLO è presente con VALENZA MAGISTICA.

 

CONOSCENZA ESOTERICA

Per essa non basta la speculazione razionale, ma occorre quella facoltà Sovrarazionale che si chiama INTUIZIONE INTELLETTUALE.

 

GNOSI

L’Esoterismo Gnostico (2) è proprio della Massoneria Speculativa Moderna: conoscenza attraverso l’intelletto (3).

In questo ramo dell’Esoterismo assume rilevanza il SIMBOLO che assurge a CHIAVE INTELLETTUALE. Il Simbolo diviene il supporto della Meditazione. L’Esoterismo Gnostico non può appagarsi di alcuna scelta proveniente dall’esterno ed è quindi assolutamente dogmatico e tipico quindi della Libera Muratoria.

 

NOTA (2) – Ricordo che nello Statuto Massonico all’art. 3 è espresso chiaramente che la Massoneria Italiana adotta, nel suo “ramo speculativo”, l’uso dell’Esoterismo Gnostico.

NOTA (3)Si deve qui ricordare che quelle Organizzazioni Iniziatiche le quali hanno una valenza esoterica (4), oltre che exoterica, tentano di conseguire la “Realizzazione Spirituale” attraverso un atteggiamento interiore “attivo” (a differenza delle Religioni il cui atteggiamento interiore è “passivo”) mediante uno Sviluppo” Coscienzial” e “Conoscienziale”, il quale ultimo richiede appunto l’aggancio con la Gnosi (Coscienza + Conoscenza).

NOTA (4)La distinzione è necessaria perché esistono Organizzazioni Iniziatiche orientate al Male (ad esempio i Thugs che appartenevano ad un’Organizzazione Iniziatica adorante la sanguinaria dea Kalì).

 

QUINTESSENZA

Come nel mondo dei Simboli ai Quattro Elementi (Fuoco, Aria, Acqua, Terra) si aggiunge un Quinto Elemento, caratterizzato dalla Stella a 5 Punte (la Stella Fiammeggiante) configurante l’Uomo, così nel mondo scientifico alle quattro Interazioni (Forze) che caratterizzano la Materia (che non è inerte come può apparire ad un’analisi superficiale, ma è in continuo movimento sotto l’azione della Interazione Nucleare Forte – nucleo atomico – dell’Interazione Elettromagnetica – fra corpi dotati di carica elettrica – e della Interazione Gravitazionale – fra corpi dotati di massa), si deve aggiungere una Quinta Essenza – la Vita – che nasce dalla distribuzione degli atomi di carbonio secondo un determinato schema lungo la spirale del DNA (E’ il cosiddetto “Principio della Complessità Organizzata”, presente anche nello sviluppo della MENTE, secondo il quale distribuendo alcune particelle sub-atomiche, secondo un determinato e ben preciso schema, si ottiene un risultato che è Superiore a quello che si otterrebbe prendendo in considerazione le stesse Particelle separatamente dallo Schema).

L’Uomo è per ora incapace di ottenere questa “Complessità Organizzata” per cui attualmente deve ammettere l’intervento di un’Entità Trascendente.

 

G:. V:.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Vuoi ricevere le notizie da masoneria357?